Video

No more “Vamos a la Playa”

20 Set

L’estate sta finendo, portandosi dietro tutte quelle cose tipiche dell’estate.
E si, sarebbe bello fare una classifica delle 10 cose belle dell’estate ma a me l’estate non fa impazzire così tanto; quindi non lo farò.
Anzi, il pensiero che ora inizia l’autunno già fa sbarluccicare i miei occhioni color palude e mi rimanda ad immagini bellissime tra cui quella di me in tuta spiaggiata sul divano con sopra la mia collezione di plaid.
Ma torniamo all’estate, a cui, comunque, voglio bene.
Ogni volta che finisce una stagione mi fermo a pensare a cosa mi ha insegnato il trimestre appena trascorso.
Quest’estate mi ha dato conferma su alcuni punti fondamentali del manuale “Autostima per avvenenti zitelle gattare”, ma la vera rivelazione dell’estate per me è stata un’altra.
PROLOGO:
Valina è una ragazza miope.
La sua miopia, unita a una discreta dose di distrazione, spesso non le fa salutare la gente distante più di 10mt. Questo la fa passare per snob, porina: lei solo ci vede poco.
Quest’estate Valina è stata colpita da un’allergia di quelle stronze che le hanno limitato l’uso delle lenti a contatto. Ma lei, impavida, ha deciso di usare lo stesso i suoi occhiali da sole non graduati, vagando per festival, spiaggie, strade, come una novella Annalisa Minetti ai tempi di Miss Italia.

RIASSUNTO DELLA STORIA:

Il vero problema di questa storia non è tanto la miopia della protagonista, ma il fatto che ella fosse convinta che con gli occhiali da sole fosse difficile riconoscersi fra individui. (Vi assicuro ne ero davvero convinta).

EPILOGO:

Il 28 luglio Valina all’Autogrill di Novara dopo il concerto dei blur guardò due delle sue più care amiche di sempre e disse:
“Devo avere dei problemi e lo ammetto. Ma ho scoperto che anche con gli occhiali da sole la gente ti riconosce. Anche se ti conosce pochissimo”.
Questa frase suscitò sguardi perplessi.

Ogni stagione ti insegna qualcosa ed è segnata da eventi importanti.
Per esempio ricorderemo quest’estate 2013 come l’ultima estate in cui I Righeira suonarono “Vamos a la playa”.
Ma possiamo ancora sperare nel ritorno delle Las Ketchup e del loro “Aserejé”.
Vai col balletto.

Annunci

2 Risposte to “No more “Vamos a la Playa””

  1. irene 23 settembre 2013 a 15:25 #

    Potranno passare mille stagioni, ma tu non cambierai mai, rimmarrai sempre la mia stordita Vale!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: