Taylor Swift

5 Nov

E gnente: sono viva.

So che probabilmente non è che vi cambi la giornata e Lezioni di parlo non vi mancava.

So anche che le persone a cui interessa la continuazione della mia esistenza sono stati rassicurati dal fatto che la mia vita a ottobre è stata documentata da foto sui social network e racconti che garantivano una sola cosa: VITA SOCIALE.

Sì, a ottobre mi sono dedicata anima e corpo (soprattutto corpo) alla vita sociale. Con grandissimi risultati.

Intanto, carico pubblico a casa, preparatevi a fare la ola per un grande, attesissimo ritorno: LA LIMONANZA.

Dedicheremo uno spazio a parte a LA LIMONANZA, ma sì, vi do uno spoiler: ottobre è stato anche un mese hot.

Infatti ho limonato, ho ricevuto un sms in cui, finalmente, un essere vivente di sesso maschile si è reso conto che sono un sex symbol e poi mi sono innamorata. Di un barista. Che mi ha fatto volontariamente 10 euro di sconto. Ergo si è innamorato anche lui.

Ma di tutto questo parleremo un’altra volta.

Lezioni di parlo è un blog di formazione, un amico che condivide con voi i duri insegnamenti della strada per alleviarvi i momenti più bui di quella che Antonello Venditti definiva una fantastica storia, aka la vita.

Oggi parliamo di Shazam.

Nel caso esistesse qualcuno più indietro di me sul campo app, Shazam è un programmino che tu ti scarichi nel telefonino e serve per dirti titolo e cantante di una canzone che canticchi e che vorresti scaricare illegalmente ma non sai chi la canta ne come cercarla. E hai provato a cercare su google pezzi del testo in un inglese tutto tuo, ma niente e quindi quando becchi il pezzo alla radio attacchi Shazam e tadam: sveli l’arcano.

Ora: la maggior parte delle volte è bello scoprire cose nuove, cantanti nuovi, dire “Ah sì? la canta lui? Maddai” e poi rimuovere tutto dopo 5 minuti. Ma poi niente, Shazam può anche causare dei traumi.

Come quando, qualche giorno fa, becco alla radio quella canzoncina che mi piaciucchia (credo mi piaccia perchè ripete solo tantissime volte la parola Shake Shake Shake, e io ho un debole per la parola shake e anche i per i milkshake) così, lesta come una faina, prendo il telefono, attacco shazam e aspetto.

Guardo il risultato e mi si spezza il cuore.

TAYLOR SWIFT.

Taylor Swift mi è antipatica a priori perchè mi ricorda l’unica compagna di classe con cui ho fatto dalla 1 elementare alla 5 superiore: la mia acerrima nemica.

Non l’ho mai retta, mai.

Il ricordo della sua voce mentre dice “Teacher, may I go to the toilet” mi fa ancora venire i brividi.

Ogni volta che vedo Taylor Swift vedo lei, o meglio, vedo Taylor Swift con la sua faccia, e sto male.

Che poi parliamo di una che ha fatto i soldi con il country, una che ha ingiustamente rubato il premio di miglior video dell’anno a “Single Ladies” di Beyonce.

Cioè: ha vinto lei con un video di una canzone country.

Che poi sta roba dell’America e del country……… Io ci penso spesso.

Gli ammericani vanno fuori per il country, lo vanno a ballare con le camicie a quadri e i cappelli da cow boy e gli stivaloni, pensano sia la musica più bella del mondo e io mi chiedo sempre: ma se fossi americana come sarei?

E la risposta è sempre la stessa: se fossi americana forse non ascolterei il country, ma di sicuro sarei enorme.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: